Testi

Zingara Traditora

(testo tradizionale, musica di franco faraldo ed emilio di donato)

Quanno nascette io nascette a mare
nascette fra li turchi e fra li more
na zingara me volle adduvinare
"scava che tuvarraje nu grane tesoro"
"scava che tuvarraje nu grane tesoro"

Pe tanto tiempo so stato a scavare
e aggio perzo 'e suonno e le speranze
zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato
chi nasce afflitto more scunsulato

zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato 
zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato

Sole e Sole

(testo tradizionale, musica rielaborazione di emilio di donato)

Passa 'a notte e spont''o sole
e 'o patrone se cunzola.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

Comme sciala cu 'a paglietta
e mmiez'' ddete 'na sicaretta.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

Oj patrò s'è fatta ll'ora
sta frittata cacci''a fore.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

E 'o sole se fa russo
e 'o patrone allonga 'o musso.
Pe' isso è corta la jurnata
e pe' nuje secca 'a frittata.
'A fatica ca rummane
'a fernimmo 'e fa dimane.
Cala 'o sole e se fa notte
e 'o patrone nuoste abbotta.
Ah! Sole e sole...

e sole ci voglio sta

Villanella che all’acqua vai

Testo tratto dalla villanella di G. Leonardo di L’Arpa (1520-1602)

Villanella che all’acqua vai
Moro per te, tu non lo sai 
Ahi ahimè, ch’io moro mirando te

Tutta notte per te vegliai
A luna e stelle de te parlai
Ai ahimè, ch’io moro cantando te

Jere sera io te vasaje
Dinto a lu suonno te rimiraje
Ahi ahimè, ch’io moro sognando te

Mia madonna mi rassegnai
A la fatica me ne tornai
Ahi ahimè, suranno e chiagnenno te.

Madonna de la Grazia

(tradizionale)

Regina de lu cielo
o Divina maestà
chesta grazia ca te cerco
fammella pe' pietà.

Madonna de la grazia
ca 'mbraccio puorte grazia
a te vengo pe' grazia
o Maria fance grazia.
Fance grazia o Maria
comme te fece lu Pateterno
ca te fece mamma de Dio
fance grazia o Maria.

Fammella o Maria
fammella pe' carità
pe' li done ca riceviste
de la Santissima Trinità.
Madonna de la grazia ….

Scese l'angelo de lu cielo
e te venne a salutà
annunzià venne a Maria
e nuie cantammo l'Avemmaria.
Madonna de la grazia….

Primma che e' juorno

(testo e musica di e. di donato)

Dorme la gatta e sonna
sonna e mucille / ca a tirano p' a coda
l' allecca e se cunzola / pe dint'o suonno

Lu viecchio piscatore
se sonna a rezza / regnuta e pisci spata
ringrazia a bbona ciorta / e li bbone stelle

E duorme pure tu
nennillo mio / sí bello comm' o mare
io te vestesse e stelle / e de cunfiette

Te guardo e te accummoglio
fore fa friddo / e suonno nun ne piglio
aspetto ncoppa a seggia / ca se fa juorno

Ca tu sí n'ommo / o pesce, auciello o cane
quanno chiure ll'uocchie e dorme / nun te vuò scetare

 

Quanno sí viecchio

(testo e musica di e. di donato)
"le vie della seta"

Ah, quanno si' viecchio t'o ffanno capí
pure si nunn 'o siente 
Ah, mo' ca si' viecchio t'assiette accussí
ma nun t'aspiette niente
Ma nunn'o ssanno ca tu
ire roccia, ire sole e tempesta
e quanno turnave tu
ogni sera pe nuje era festa 

Tu ire 'o viento ca forte 'sferza
sulo tu ce sapive purtá
si me lasse rimango n'terra
soscia forte ca voglio vulá

Comm 'o sole ca 'nfoca 'a terra
sulo tu me puó ancora scarfá
mo riposa e sta mano afferra
chiuro ll'uocchie e nun voglio penzá 

Ah, quanno si' viecchio te lassano ccá
ch'e penzieri int'e mmane
Ah, mo' ca si' viecchio te fanno caré
nun te ranno na mano

E ancora te fire 'e fá
nun fa niente ca mancano 'e forze
Nun siente o friddo che fá
pecché nun pó fa friddo a Marzo 

Tu ire 'o viento ca forte 'sferza
sulo tu ce sapive purtá
si me lasse rimango n'terra
soscia forte ca voglio vulá

Comm 'o sole ca 'nfoca 'a terra
sulo tu me puó ancora scarfá
mo riposa e sta mano afferra
chiuro ll'uocchie e nun voglio penzá

E fore che 'mporta r'o tiempo che fa
ce stai tu a me cunzulá

 

 

contatti: 328.2153423 - mail: corepolis@corepolis.com