Testi tradizionali e testi originali

Introduzione - Molti dei seguenti brani hanno origine dalle tradizioni campane, ed in particolar modo di Terra di Lavoro. A partire dagli anni ‘70 numerosi gruppi di musica popolare hanno recuperato questi canti, riproponendoli dal vivo e, in taluni sporadici casi, pubblicando dischi e libri, essenzialmente autoprodotti e fuori commercio. Citiamo quindi le principali fonti da noi utilizzate come punto di partenza delle nostre rielaborazioni.

Santo Sereviesto

(brano tradizionale casertano, musica rielaborata da emilio di donato;
Il 31 Dicembre, nell’entroterra casertano, si usa andare in giro per il paese, fermandosi fuori le case, a cantare una canzone propiziatoria per il nuovo anno che è in arrivo. Si forma un gruppetto di persone capeggiato da un solista che porta una grande pianta di alloro con attaccate delle campanelline. Le altre persone cantano insieme accompagnando il tutto con strumenti musicali rudimentali, quali "U' scetavajasse" consistente in due aste di legno mobili che battono su una terza centrale fissa alla quale sono fissate delle campanelle o dei semplici tappi di ferro tenuti insieme da chiodi.
Questo canto molto diffuso in tutto il Sud Italia, eseguito da gruppi di ragazzi questuanti nella notte di San Silvestro. Il testo qui utilizzato è stato raccolto da Gianni Gugliotta a Castel Morrone nel Dicembre 1976 e da lui pubblicato nel  libro “L’antico presente”, Russo Editore, nel Gennaio 1984. È un nonsense con continui riferimenti a simboli di abbondanza e fertilità.)

E Santu Serevieste e nuje cantammo buono
oggi è calenne e dimane è l'anno nuovo
la festa è santa e la santa signuria
Dio ce la cresce 'sta bella cumpagnia
crisce e criscenne e facenne chisti sciusce
canusce a nuje e canusce a centil'omo
ohi centil'omo e cu' cheste bracce aperte
vattenne a Roma a sfravecà palazze

Ncopp’ ‘e palazze ce sta 'na bella tromma
gira e riggira 'sta fronna r'aulive
chistu massaro cient'anne ce vive
vive la ronna e vive Polisamo
Santa Maria che 'mparavise staje
scansa chesta case da priculi e da 'uaje
la luna joca e lassammela jucare
facce la ‘nferta assì ce la vuò fare

Faccillo sicco sicco e faccillo ‘e sauciccie
Faccillo rassu rasso e faccillo ‘e sanguinaccio;
Faccillo re’ nucelle, puozz' fa nu Re d'e stelle
Ammen Ammen Ammen
Nuje opigliamo nu sacco e ammen

 

Ncoppa Caserta

(brano tradizionale casertano, musica rielaborata da alfonso marotta, gianni d'argenzio, emilio di donato;
Il tema, registrato da Mino De Lucia presso una anziana signora do Casertavecchia (CE), è stato proposto dal vivo negli anni ’70 dal gruppo Campania Felix con una prima rielaborazione musicale di Alfonso Marotta e Gianni D’Argenzio, eseguita dal vivo nel 1977 da Ferdinando Ghidelli, Alfonso Marotta, Franco Faraldo, Enzo Faraldo, Gianni D'Argenzio, Peppe D’Argenzio, Gino Santoiemma, Mariarosaria Lamanna, e successivamente ripresa negli anni ‘90 dal gruppo Corepolis.)

Ncoppa Caserta c’è nu bello stato
primma matina nce sponta lo sole

Maronna quant’è longa sta semmana
Sabato bello e quando vuoi venire

Si vene tarde me sento e murire
Si vene priesto me rire lu core

Oggi si chiamma Sabato, allero è u core
per chi la tene la bella mugliera.

e a chi la tene brutta s’oscura ‘o  core
‘n abbia arrivà Sabato e quanno vene

Ncoppa Caserta c’è nu bello stato
quand’è alla sera nce pare la luna

 

Sole e Sole

(testo tradizionale, musica rielaborazione di emilio di donato;
Canto molto diffuso nelle zone rurali casertane. Il testo qui usato è stato raccolto da Gianni Gugliotta, ed è unito ad una filastrocca che mi raccontava da bambino mia nonna Gennarina Troianiello. La versione qui presentata è  stata originariamente incisa e proposta  in concerto dal gruppo Corepolis. )

Passa 'a notte e spont''o sole
e 'o patrone se cunzola.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

Comme sciala cu 'a paglietta
e mmiez'' ddete 'na sicaretta.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

Oj patrò s'è fatta ll'ora
sta frittata cacci''a fore.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta!

E 'o sole se fa russo
e 'o patrone allonga 'o musso.
Pe' isso è corta la jurnata
e pe' nuje secca 'a frittata.
'A fatica ca rummane
'a fernimmo 'e fa dimane.
Cala 'o sole e se fa notte
e 'o patrone nuoste abbotta.
Ah! Sole e sole...
e sole ci voglio sta

 

Lu marito vicchiariello

(brano tradizionale, originario di Pietramelara, in provincia di Caserta )

Vide la giuvenella quann' scema
se vo' piglià lu viecchio pe' denare.

Quanno 'nce va a la chiesa a spusare
lu viecchio nun ce la fane a cammenare.

Quanno 'nce va a la tavula a magnare
da la vucchella scorrono le vave.

Quanno 'nce va a letto a repusare
lu viecchio 'nce la fane a sagl“ 'ncoppa.

"Damme spusella mia, damme la mano,
si vuò lu laccio d'oro te lu faccio.

Si vuò lu laccio d'oro te lu faccio
ma cu denari de la sacca mia".

Nun voglio n lu laccio e manco a tene
voglio lu giuveniello che m'abbraccia.

Lu viecchio me le 'mpiccia le lenzola
lu giuveniello affianco me cunzola.


Zingara Traditora

(musica originale di emilio di donato e franco faraldo, testo tradizionale)

Quanno nascette io nascette a mare
nascette fra li turchi e fra li more
na zingara me volle adduvinare
"scava che tuvarraje nu grane tesoro"
"scava che tuvarraje nu grane tesoro"

Pe tanto tiempo so stato a scavare
e aggio perzo 'e suonno e le speranze
zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato
chi nasce afflitto more scunsulato

zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato 
zingara traditora, m'è 'ngannato
chi nasce afflitto more scunsulato

Villanella che all’acqua vai

(Villanella di G. Leonardo di L’Arpa (1520-1602) Nota sul testo: La prima strofa è originale di G. Leonardo di L'Arpa, e a partire da questa abbiamo composto le successive tre strofe.)

Villanella che all’acqua vai
Moro per te, tu non lo sai 
Ahi ahimè, ch’io moro mirando te

Tutta notte per te vegliai
A luna e stelle de te parlai
Ai ahimè, ch’io moro cantando te

Jere sera io te vasaje
Dinto a lu suonno te rimiraje
Ahi ahimè, ch’io moro sognando te

Mia madonna mi rassegnai
A la fatica me ne tornai
Ahi ahimè, suranno e chiagnenno te.

 

Madonna de la Grazia

(tradizionale)

Regina de lu cielo
o Divina maestà
chesta grazia ca te cerco
fammella pe' pietà.

Madonna de la grazia
ca 'mbraccio puorte grazia
a te vengo pe' grazia
o Maria fance grazia.
Fance grazia o Maria
comme te fece lu Pateterno
ca te fece mamma de Dio
fance grazia o Maria.

Fammella o Maria
fammella pe' carità
pe' li done ca riceviste
de la Santissima Trinità.
Madonna de la grazia ….

Scese l'angelo de lu cielo
e te venne a salutà
annunzià venne a Maria
e nuie cantammo l'Avemmaria.
Madonna de la grazia….

Primma che e' juorno

(testo e musica di emilio di donato)

Dorme la gatta e sonna
sonna e mucille / ca a tirano p' a coda
l' allecca e se cunzola / pe dint'o suonno

Lu viecchio piscatore
se sonna a rezza / regnuta e pisci spata
ringrazia a bbona ciorta / e li bbone stelle

E duorme pure tu
nennillo mio / sí bello comm' o mare
io te vestesse e stelle / e de cunfiette

Te guardo e te accummoglio
fore fa friddo / e suonno nun ne piglio
aspetto ncoppa a seggia / ca se fa juorno

Ca tu sí n'ommo / o pesce, auciello o cane
quanno chiure ll'uocchie e dorme / nun te vuò scetare

 

Quanno sí viecchio

(testo e musica di emilio di donato)

Ah, quanno si' viecchio t'o ffanno capí
pure si nunn 'o siente 
Ah, mo' ca si' viecchio t'assiette accussí
ma nun t'aspiette niente
Ma nunn'o ssanno ca tu
ire roccia, ire sole e tempesta
e quanno turnave tu
ogni sera pe nuje era festa 

Tu ire 'o viento ca forte 'sferza
sulo tu ce sapive purtá
si me lasse rimango n'terra
soscia forte ca voglio vulá

Comm 'o sole ca 'nfoca 'a terra
sulo tu me puó ancora scarfá
mo riposa e sta mano afferra
chiuro ll'uocchie e nun voglio penzá 

Ah, quanno si' viecchio te lassano ccá
ch'e penzieri int'e mmane
Ah, mo' ca si' viecchio te fanno caré
nun te ranno na mano

E ancora te fire 'e fá
nun fa niente ca mancano 'e forze
Nun siente o friddo che fá
pecché nun pó fa friddo a Marzo 

Tu ire 'o viento ca forte 'sferza
sulo tu ce sapive purtá
si me lasse rimango n'terra
soscia forte ca voglio vulá

Comm 'o sole ca 'nfoca 'a terra
sulo tu me puó ancora scarfá
mo riposa e sta mano afferra
chiuro ll'uocchie e nun voglio penzá

E fore che 'mporta r'o tiempo che fa
ce stai tu a me cunzulá

 

Primmavera

(musica di emilio di donato e franco faraldo, testo di emilio di donato)


Me raccumanno a te bella signora
Me raccumanno a te bella signora
in’a stu mumento io nun saccio che ffà
int’a stu mumento pozzo sulo prià

Co ‘e piere stanche e ‘o fango rint’e mane
Co ‘e piere stanche e ‘o fango rint’e mane
Bella signora mia a te ‘o pozzo cuntà
mo tutto s’è cagnato e chiù nun pozzo campà

Fa priesto ca t’aspietto Primmavera
Fa priesto e scaccia via sta brutta sera
‘o malu suonno ‘a notte me fa surà
Fa priesto ca t’aspietto Primmavera
Profumo de speranza e vita nova
Porta canzoni  belle da cantà
Abbracciame  cchiù forte  Primmavera
cu viento int’e capille  e  ragge ‘e sole
aucielle, fiore e voglia de ballà

E spighe d’oro nun Te n’aggio purtato
E spighe d’oro nun Te n’aggio purtato
o’ friddo e o’ viento stanno a murmulià
e sta cannela luce chù nun po’ fà

E nuje ‘nzerramo ‘e porte e le fenestre
E nuje ‘nzerramo ‘e porte e le fenestre
pare che manco ‘o ffuoco ce riesce a scarfà
so’ juorne ‘e male vierno  ca nun vonno passà

Fa priesto ca t’aspietto Primmavera ...

Sole, stella

(Testo e Musica di Emilio Di Donato)

Sole, stella, nennella mia
stamme vicino e astregneme
sole, stella, nennella mia
lassammece cullà d'a musica
finchè luce sto sole
e appicciata è sta stella
finche tu sì a nennella mia
brillarella

Finchè  tu sei una stella
e per te sono il sole
non ci sono parole
questa è felicità

Sole e stella ero pur’io
mamma cantava, comme canto io
‘o sole era essa, e ‘a stella ero io
e pure se ‘e foglie carevano
nun m’ha lassato mai
perchè ‘a luce d’o sole
perchè  ‘a luce d’o sole
dopo ‘a  notte tornerà

Finchè  tu sei una stella
e per te sono il sole
non ci sono parole
questa è felicità.

Jamme nennilli

(Testo e Musica di Emilio Di Donato;
il brano è stato composto e pubblicato nel 2008 in un doppio CD realizzato in beneficenza per l'Unicef. Il testo è dedicato ai bambini di tutto il mondo. E' presente anche una tipica filastrocca casertana, "e uno doje e tre", cantata dai bambini quando si esegue la conta per secegliere i partecipanti al gioco
)

Jamme nennilli, venite cu mme
Tenimmece pe mmano che girammo lo munno
Jamme nennilli, venite cu mme
Ve porto lu munno a vedè

Nu sole ca splenne, nu fresco riparo
Nu canto da lontano regne ll’aria ‘e profumo
Chesta è la vita e chello che dà
‘o riesto l’avimmo arrubbà.

Senza penziere, né fame né sete
Addò può crescere senza paure
Chino ‘e culure ca scarfano ‘o core
E o verde pe pazzià

Jamme nennilli, vincimmo lu suonno
Currimo int’a na terra addò tuccà nun ce ponno
Jamme nennilli, venite cu mme
Ve porto lu munno a vedè

Nu mare infinito, o ddoce e l’amaro
N’amico ch’ai lassato e ca crerive perduto.
Chesta è la vita, e chello che dà
‘o riesto l’avimmo arrubbà.

Puortate sulo ‘o surriso cchiù bello
‘na bambulella, ‘na tela e ‘o penniello
Io nun me porto che n’abito ‘e seta
E ‘a voce per canta la-la –la …

E uno e ddoje e tre
e 'o Papa nunn'è rre
e 'o rre nunn'è Papa
e 'a vespa nunn'è ape
e si ape nunn'è vespa
'o purtone nunn'è fenesta
'a fenesta e 'a fantasia
'a verità nunn'è buscìa

Jamme nennilli, venite cu mme
Tenimmece pe mmano che girammo lo munno
Jamme nennilli, venite cu mme
Ve porto lu munno a vedè

(CORO ) Jamme nennilli, venite cu mme
Tenimmece pe mmano che girammo lo munno
Jamme nennilli, venite cu mme
Ve porto lu munno a vedè
Jamme nennilli, venite cu mme
Ve porto lu munno a vedè
Jamme nennilli, venite cu mme . . .

E uno e ddoje e tre
e 'o Papa nunn'è rre
e 'o rre nunn'è Papa
e 'a vespa nunn'è ape
e si ape nunn'è vespa
'o purtone nunn'è fenesta
'a fenesta e 'a fantasia
'a verità nunn'è buscìa

Jesce la luna e jesce 'na stella
jesce Maria ca è piccerella
jesce nu vatto 'ncatenato
nun 'o vattere ca è peccato.
Chillo m'ha rutto 'a giarretella
addò nce veveno 'e paparelle
nquacchie, nquacchie tutte 'nterra.
nquacchie, nquacchie a culo 'nterra

Palomma 'e oro

(Musica di Vincenzo Faraldo, testo di Angela Pellegrino
La musica è basata sul tema di "conversation of birds")

Quann’i veg’a tte se ferma ‘ o munno
‘ a luna ‘ncielo fà girotunno
‘o sole scenne ‘ncoppa a muntagna
sulo pe te vasa’.
vurria addeventà palomma ‘e oro
che vola, vola mapace nun trova
si ‘ ncoppa o core tuoie poi nun s’appoia
sulo pè muri’.
Me ne vurria fui’ ra chiste uocchie
che lucian assaie e pareno doie specchi
pare e senti’, pare e senti’
comm’a voce e na sirena
che chiù passa o tiempo
e chiù forte m’encatena a sè.
ma libertà o ssaie nun ce pò stare
si senza e vase tuoie aggia restare
songo legato a tte, so prigioniero.

 

Ritornello delle Lavandaie del Vomero

(tradizionale)

Tu m'aje prommise quatto moccatore
io so' venuto se me le vuò dare
E se no quatto embè dammenne ddoje
chillo ch'è ncuollo a te n'è robba toja.


 

 

contatti: 328.2153423 - mail: corepolis@corepolis.com